Niscemi 2015: fermare il Muos, fermare la guerra

bandiera reti

 

Il campeggio No Muos 2015 si apre con l’esigenza di ribadire ancora una volta la centralità del muos all’interno dello scenario della lotta contro la guerra imperialista. Questo nesso è stato sviluppato ponendo in rilievo varie questioni: l’aumento massiccio della militarizzazione del territorio e delle spese militari, il fenomeno delle migrazioni, le resistenze popolari – Niscemi, Sardegna, Ucraina, Palestina, Kurdistan – contro le aggressioni imperialiste.

La soddisfazione del traguardo raggiunto lo scorso aprile con il sequestro del cantiere da parte della magistratura non ha distolto il movimento dall’importanza di mantenere alta la pressione popolare; per questo durante i tre giorni del campeggio e durante la manifestazione del sabato si sono realizzate diverse azioni di sabotaggio nei confronti della base e della presenza militare americana nella zona.

Come redazione di FinoallaVittoria abbiamo scelto di intervistare il compagno Giacomo Sferlazzo dell’associazione Askavusa di Lampedusa poiché il suo intervento sul rapporto migrazioni e guerra racchiude significativamente i temi che il campeggio si era prefissato di sviluppare.

 

 

 

barricata e muos

Niscemi 4 Aprile il Muos è abusivo!

nomuos-piccolo-indiani

Come redazione di FinoallaVittoria abbiamo partecipato alla manifestazione nazionale NoMuos del 4 Aprile in contrada Ulmo a Niscemi, raccogliendo le voci dei militanti che vi hanno partecipato.

Manifestazione che si è svolta pochi giorni dopo il sequestro dell’impianto Muos, operato dalla Procura di Caltagirone.

Il sequestro è avvenuto per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale.

Per questa ragione la manifestazione si è svolta in un clima festoso e di consapevolezza del grande risultato raggiunto.

Consapevolezza da parte di tutti i manifestanti che la battaglia non si è conclusa, che questo primo passo si è ottenuto grazie alle migliaia di uomini e donne che fisicamente in questi anni si sono opposti al Muos.

Consapevolezza che la liberazione dei popoli potrà avvenire quando ci libereremo definitivamente dall’imperialismo, dallo sfruttamento e dalle guerre che questo genera

NoMuos fino alla vittoria!